-->

martedì 1 marzo 2016

ANTEPRIMA!!! In libreria dal 3 marzo per Corbaccio un thriller che vi sconvolgerà "Il prigioniero della notte" di Federico Inverni!!!



Va bene amichetti lettori,
è quasi ora della merenda...
e noi vi presentiamo un thriller che di inquietante 
ha pure l'autore... 
Già, perché Federico Inverni in realtà non è Federico Inverni 
e quindi...
leggeremo in anteprima il libro per voi 
e poi lo intervisteremo!!!
Siete curiosi di conoscere le sue risposte?
Se avete qualche domanda, potete postarcela e la gireremo all'autore!!!


Titolo: Il prigioniero della notte
Autore: Federico Inverni
Editore: Corbaccio
Genere: Thriller
Formato: Cartaceo
Prezzo: 16,90 €
Formato: Ebook
Prezzo: 9,99 €
Pagine: 480

Trama

Lucas è un detective. Nella sua vita gli sono rimasti solo il nome e il lavoro. Il suo passato è una ferita sempre aperta da un evento sconvolgente ha segnato la sua vita... e la sua mente. Come un automa attraversa i delitti su cui è chiamato a investigare, mettendo al servizio della giustizia il suo intuito straordinario, quasi visionario, e la sua sensibilità persino eccessiva. Fino a quando incappa in un caso diverso da tutti gli altri: una giovane donna trovata morta con il terrore negli occhi e nessun segno di violenza apparente. Lucas sa che il colpevole è un assassino seriale e ne ha conferma da Anna, psichiatra profiler, abituata a scandagliare il male in tutte le sue forme, da quando lei stessa, da ragazza, ha vissuto un’esperienza traumatizzante. Lucas e Anna annaspano in un labirinto di follia in cui i ricordi del loro passato, tenuti troppo a lungo sepolti, riemergono taglienti come vetri rotti in un’indagine che li coinvolge da vicino, lasciandoli devastati di fronte a una verità impensabile.

A BREVE LA RECENSIONE!!!


L'AUTORE



Federico Inverni è uno pseudonimo dietro il quale si nasconde l’autore di questo romanzo d’esordio. Italiano, di circa quarant’anni, Federico ama le storie, da qualunque parte provengano. Si sente in pace circondato dalle pagine scritte, ma a volte ha l’impressione che i libri lo guardino. Del resto, i libri hanno una vita indipendente: ecco perché ha scelto di celarsi dietro un nome diverso e lasciare che «Il prigioniero della notte» trovi la sua strada e i lettori. E forse anche perché teme che i personaggi gli assomiglino troppo.