-->

giovedì 21 gennaio 2016

RECENSIONE!! "Il giorno più bello della mia vita io non c'ero" di Simone Bargiotti!!!

Titolo: Il giorno più bello della mia vita io non c'ero
        Autore: Simone Bargiotti
Editore: I libri di Emil
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 112
Formato: Cartaceo 
Prezzo: 13,00 € 11,05 €
Data di uscita: 8 Gennaio 2014

Trama

Questo libro non è un romanzo. È la storia di una psicoterapia, ed è dedicata a tutti i medici e professori- alcuni con tanto di cattedra universitaria che si credono Dio e non hanno capito nulla di quello che è successo. Perché un ragazzo di ventiquattro anni a un certo punto sta male? Cosa è davvero successo nella sua vita? Quanto c'è di vero? Nulla, hanno fatto presto a sentenziare questi signori, liquidando il tutto come "non vero". E invece un fondo di verità esiste. Un perché. Una causa.

Il giorno più bello della mia vita io non c'ero

RECENSIONE

“Il giorno più bello della mia vita”, è il secondo libro di Simone Bargiotti. Un'altra biografia, come  la prima opera “Voglio sentire l'urlo del tuo respiro”, concentrata sul cammino terapeutico intrapreso a seguito di un crollo psicologico, un periodo di degenza e un complesso percorso, con uno sguardo ristretto sul rapporto con la madre e con la donna di cui è innamorato. 
Aurora, una farmacista con la quale ha avuto modo di interfacciarsi poche volte, senza avere la possibilità di rivelare le proprie emozioni, se non in un'unica occasione, episodio misteriosamente rimosso, impedendo a Simone di vivere il suo vero primo grande amore per colpa della madre.
 Rapporti famigliari complicati, ricordi dell'infanzia che rivivono grazie alla terapia, dove la scrittura diventa l'unico mezzo in grado di guarire, scovando nel profondo, dando risposte inaspettate.
Un libro -come il primo- sincero, onesto e senza timore, un approccio diretto alla malattia psichiatrica, con grande leggerezza, senza marcare gli aspetti negativi, ma unicamente finalizzato alla ricerca delle causa, in un tormento emotivo crudo, schietto.
 Le ancestrali ragioni di questo disagio, difficilmente condivisibili, alla fine interessano poco il lettore, in fin dei conti, tutti noi abbiamo fatto scelte sbagliate, perso dei treni importanti, e dimenticato incontri fondamentali.
Una libro particolare, ben scritto, per riflettere indossando i panni di chi ha perso “il giorno più bello della propria vita”.

(Recensione a cura di Maria)


VALUTAZIONE

Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA



Altri libri dell'autore


Risultati immagini per voglio sentire l'urlo del tuo respiro