-->

martedì 3 novembre 2015

RECENSIONE "L'ALTRA PARTE DI ME" DI CRISTINA OBBER EDITO DA PIEMME!!!

Semplice, delicato... un libro di tutto rispetto

dal quale giovare degli insegnamenti!!

Titolo: L'altra parte di me
Autore: Cristina Obber
Editore: Piemme
Genere: Young Adult
Pagine: 216
Formato: Ebook
Prezzo: 6,99 Euro
Formato: Cartaceo
Prezzo: 15,00 Euro

Trama

La lotta di due ragazze per difendere e affermare il loro amore. Giulia ha sempre saputo di essere diversa dalle sue amiche. A sette anni, a scuola, aveva chiesto alla sua compagna Martina di sposarla. A otto anni si era innamorata di Morticia della famiglia Addams. La adorava come da bambini si adora una fata, un cavaliere, una principessa. Poi erano arrivate Giada, Francesca, Miriam... Amori che teneva segreti per la vergogna. Ora Giulia ha sedici anni e il cuore è in subbuglio. La nuova principessa si chiama Francesca. Ha i capelli lisci e quando le prende la mano e le punta addosso i suoi occhi profondi Giulia sente le farfalle nello stomaco. Sospesa tra la paura dei propri sentimenti e il dovere e l'impulso a essere libera, Giulia scopre giorno dopo giorno quanto possa essere travolgente il primo amore. E presto capisce che per essere veramente felice ha bisogno di condividere i propri sentimenti con chi le sta vicino. Così decide di far conoscere Francesca alle sue amiche e ai suoi genitori...



RECENSIONE

Francesca e Giulia, così lontane ma così simili tra di loro.
Così uguali ma così diverse dai loro compagni di scuola. Un unico desiderio… essere amate.
Questo libro è davvero una mano santa per chi, come Francesca e la sua famiglia, si trova ad affrontare un argomento così scomodo come la omosessualità.
Con estrema semplicità la Obber, racconta la storia di Giulia e Francesca, dei problemi che le circondano perché, anche se ormai siamo nel 2015, c’è ancora chi guarda con mentalità ottusa, coloro che non hanno i loro stessi gusti in fatto di sessualità.
Non è facile affrontare la realtà di una figlia o di un figlio, che non sposa propriamente l’ideale di amore che la nostra società ci impone, e i genitori di Francesca ne sono l’esempio lampante.
Francesca, la cocca di papà, la figlia adorata di mamma e la sorella perfetta, diventa una estranea per la sua famiglia nel momento in cui decide di fare outing.
Francesca, che sola nella sua stanzetta, cerca il suo posto nel mondo con l’aiuto dei social, perché trovare delle persone che abbiamo le sue stesse sensazioni, i suoi stessi sogni e i suoi stessi pensieri, non è facile… come non è facile trovare qualcuno che la sappia capire e comprendere.
E tutto ciò lei lo trova in Giulia, una ragazza che vive a migliaia di kilomentri di distanza, ma che con il pensiero e il cuore le dista solo pochi centimetri.
Giulia, che tutto quello che Francesca sta provando in quel momento, lei lo ha già passato. Giulia, la sua roccia, la sua ragione… il suo mondo.
L’universo che racchiude questo romanzo è vasto e tutto da scoprire. La Obber riesce a  raccontare in tutta leggerezza e naturalità un argomento tanto delicato quanto difficile da comprendere.
Il linguaggio elementare ed esaustivo, permette anche ai più giovani la comprensione di un tema che a parole risulta difficile da spiegare.
E’ evidente come l’autrice abbia tutta l’intenzione di manifestare il suo appoggio alle coppie omosessuali e di aiutare i più giovani, ma anche gli adulti, ad accettare una realtà che fa ormai parte del nostro quotidiano, denunciando allo stesso tempo tutte quelle persone che pensano di essere migliori solo perché hanno un orientamento sessuale che sposa l’ideologia convenzionale.
Un romanzo che dovrebbe essere proposto come libro scolastico, sia per gli alunni che per i genitori per aprire gli occhi una volta per tutte.

(Recensione a cura di Federica)



VALUTAZIONE


Risultati immagini per STELLINA   Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA




Altri libri dell'autrice


Risultati immagini per cristina obber libri      Risultati immagini per cristina obber libri      Risultati immagini per la ricompensa cristina obber