-->

martedì 10 novembre 2015

RECENSIONE "I MISTERI DEL VENERDI' SANTO" DI ANTONIO SOBRIO!!!

Titolo: Il mistero del Venerdì Santo
Autore: Antonio Sobrio
Editore: Youcanprint
Genere: Romanzo
Formato: Cartaceo
Prezzo: 12,75 €
Formato: Ebook
Prezzo: 1,99 €
Pagine: 256
Data di uscita: 15 Dicembre 2014

Trama

Procida, la più piccola isola del golfo di Napoli. Venerdì santo, giorno della Processione dei misteri. Una persona scompare. Quattro suoi amici, tre uomini ed una donna, sono alla ricerca del suo corpo, in un avvincente percorso attraverso sotterranei, catacombe, l'ex carcere abbandonato, tra arte, cultura, storia e mistero, in un misto di sacro e profano, con sullo sfondo le straordinarie bellezze dell'isola.


RECENSIONE

L'isola di Procida è in fermento per la Processione dei misteri del Venerdì Santo, una festa che vede protagonisti i misteri creati dagli abitanti con ogni tipo di materiale e di varie grandezze, che saranno poi  portati in processione.
 Nico, Federico, Saverio e Juana, come ogni anno, assistono da spettatori alla manifestazione ma una "cimice" renderà questo giorno indimenticabile.
 Nico, infatti, ha acquistato una microspia che, con il sostegno degli altri ragazzi, decide di posizionare sotto la base del mistero di Ciro, un ragazzo poco apprezzato in paese ma rispettato per paura di ritorsioni. 
Quando il gruppo si mette in ascolto diventa peró spettatore indesiderato della sparizione di un loro caro amico.
 Come fare per aiutare chi di dovere a svelare il mistero senza finire nei guai?
Questo libro racconta un giallo che va a intrecciarsi con la storia e la tradizione dell'Isola di Procida, svelando così i suoi misteri e le leggende che vengono tramandate da generazione a generazione.
Proprio questa caratteristica di racconto storico fuorvia il lettore dalla vera trama del romanzo. Infatti, sono numerose le digressioni storiche che interrompono il filo della storia rendendo la lettura poco fluida e complessa, oltre che appesantendo il libro rischiando di annoiare chi legge.
 Inoltre le descrizioni dei luoghi o delle azioni compiute dai personaggi vengono descritte minuziosamente, rischiando di perdersi nei particolari e far dimenticare il fine ultimo del romanzo.
Non è chiaro, quindi, a quale genere l'autore volesse ricondurre la sua opera. 
Infine, sono presenti alcuni errori nell'uso della lingua italiana e non è chiaro se siano stati inseriti di proposito per rifarsi al dialetto del luogo o se si tratti di sviste nella revisione (ad esempio "bussó il campanello), ma contribuiscono a rendere difficoltosa la lettura. 
Solo nelle ultime 40 pagine circa, quando i ragazzi sono vicini alla soluzione del giallo, si ritrova quella suspance tipica dei thriller e il lettore riesce a sentirsi coinvolto nelle pagine, rimanendo con il fiato sospeso.

(Recensione a cura di Marianna)


VALUTAZIONE


Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA