-->

giovedì 15 ottobre 2015

RECENSIONE "IL SORRISO TRISTE DI BERTRAND" DI FRANCESCO CASSANELLI STAMI!



Titolo: Il sorriso triste di Bertrand
Autore: Francesco Cassanelli Stami
Editore: Watson Edizioni
Genere: Romanzo
Formato: Cartaceo
Prezzo: 10,00 Euro

Trama:

Antonio sta per sposarsi e, quando gli amici lo invitano al bar per la colazione, non sospetta neppure che quell’incontro possa avere un
secondo fine. Così, quasi senza rendersene conto, con la testa occupata
da mille pensieri dovuti al matrimonio, si ritrova a partire per un
viaggio che gli amici hanno organizzato per lui. Un viaggio che solo
apparentemente servirà per andare a ritirare le fedi in una gioielleria,
e che non affronterà da solo, perché con lui partirà Alice, una ragazza
con cui Antonio ha avuto una relazione svariati anni prima. E quello che
Antonio si troverà ad affrontare è un viaggio nel suo passato, nei suoi
ricordi, nelle sue scelte, in vista di un futuro che incombe con
imponenza.



RECENSIONE

“Il sorriso triste di Bertrand” è una bellissima citazione del film “L’uomo che amava le donne” di François Truffaut. 
Il protagonista, Bertrand per l’appunto, è raccontato come un seduttore seriale che si butta in avventure sentimentali poco impegnative ma rimane incastrato nel ricordo di una donna in particolare, l’unica che vuole tenere sempre con sè. Se l’autore voleva comparare Bertrand ad Antonio, il protagonista del suo libro, non ci è riuscito.
Antonio è un uomo di 35 anni e sta per sposarsi. I suoi amici lo incastrano in un addio al celibato memorabile: Antonio può intraprendere un viaggio lontano da casa che lo porterà a scegliere le fedi nuziali ma non da solo. Con lui ci sarà Alice, il suo primo amore. Antonio sceglie di intraprendere questo viaggio spinto proprio dall’emozione di averla rivista. Io già qui ho storto il naso.
Ripeto, Antonio sta per sposarsi e va a comprare le fedi con la sua ex ragazza.  L’idea è originale senza dubbio; durante il viaggio i due ex amanti ricordano il passato con sorrisi e grandi risate. Il problema è che poi il racconto si trasforma in una sorta di romanzo rosa che ha come protagonisti Antonio e Alice, due ragazzi che si stanno ri-innamorando.  Antonio non pensa più un secondo al suo matrimonio, pensa solo a quanto sia sexy Alice e a quanto lui sia felice lì con lei. Noi lettori ci dobbiamo sorbire pagine e pagine di pensieri felici di Antonio e mai qualche pensiero condito da un senso di colpa che possa rendere credibile il tutto. E non è finita qua. La storia diventa ancora più incredibile perché Antonio è di nuovo catapultato nel passato con Roberta, una donna che l’ha ferito profondamente e lui non pensa di frenarsi, nemmeno per un secondo. Il finale è ancora più incredibile e vorrebbe far comparire sulle labbra del lettore un sorriso triste; ma con me proprio non ci è riuscito.

Sullo stile di scrittura non ho molto da eccepire, il romanzo è ben scritto e i passaggi tra passato e presente sono fluidi e piacevoli.  I personaggi invece sono superficiali; nonostante il libro parli principalmente di pensieri e sentimenti, sono ripetitivi. Tengo a sottolineare che non penso che non siano plausibili personaggi che si comportino come Antonio, Alice e Roberta; non sempre i protagonisti di un libro sono eroi o danno un buon esempio.  Ho trovato però poco interessante quello che avevano da raccontarmi.

Perché leggerlo? Non siete dei bacchettoni e vi incuriosisce leggere una storia d’amore travagliata, raccontata da un punto di vista maschile.


Perché non leggerlo? Vi piacciono i personaggi femminili con un minimo di dignità e credete che amore significhi anche fedeltà (soprattutto da evitare qualche mese prima del vostro matrimonio!).

(Recensione a cura di Elisa)


Risultati immagini per uomo e donna a parigi bianco e nero


VALUTAZIONE



Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA