-->

martedì 27 ottobre 2015

RECENSIONE "E SE FOSSE UN SEGRETO?" DI VIRGINIA BRAMATI!!


Titolo: E se fosse un segreto
        Autore: Virginia Bramati
Genere: Romance
Pagine: 300
Formato: Cartaceo 
Prezzo: 18,50 Euro
Formato: Ebook
Prezzo: 8,95 Euro
Data di uscita: 20 Ottobre 2015
Stelline: * * * *
Link d'acquisto: http://www.librimondadori.it/libri/e-se-fosse-un-segreto-virginia-bramati#9788852068676

Trama

Alessandra è una ragazza fortunata: la sua mamma avrebbe voluto chiamarla Sendi (la sua trascrizione di Sandy), come la protagonista di Grease, ma con un piccolo inganno gliel'hanno impedito. Così la figlia della parrucchiera Mary Mantovani e di un padre ignoto è stata registrata come Alessandra, e dio sa quanto ne è felice tutte le volte che sua mamma si ostina, invece, a chiamarla con le clienti del negozio Lamiasendi. Ma Alessandra non è solo fortunata: è anche molto, molto in gamba. Nonostante i piani che sua madre aveva fatto per lei, tra phon e bigodini, è riuscita a studiare, è diventata avvocato, e da pochi giorni grazie all'appoggio di una lista civica di persone per bene è stata eletta sindaco della piccola cittadina brianzola dov'è cresciuta: Verate.
E adesso, la prima cerimonia pubblica a cui partecipa con la fascia tricolore è destinata a rivelarsi un'emozione al quadrato… Nell'inaugurare il nuovo reparto maternità dell'ospedale Alessandra rincontra Stefano Parodi Valsecchi, il giovane, brillante primario con il quale a diciassette anni ha vissuto l'incanto del primo vero amore. Invece la vita, finora, li ha separati: lui a studiare ad Harvard, lei in un convitto di suore francesi a Milano.
Ma forse entrambi conoscono solo una parte della verità. Come sono andate davvero le cose? Perché proprio ora si ritrovano a Verate? Le sorprese, per Alessandra e Stefano, sono appena iniziate...
Ancora una volta ambientato a Verate, "magico" paese della Brianza da cui le vite dei protagonisti partono per esplorare il mondo e dove i protagonisti tornano per ritrovare se stessi, questo nuovo romanzo di Virginia Bramati è un piccolo, grande giallo del cuore, che sa raccontare il nostro mondo di oggi con la delicatezza di una fiaba ma con tutta l'autenticità della vita vera, per farci riflettere e sognare. E mette in scena una galleria di personaggi che vorremmo poter incontrare davvero: una giovane donna-sindaco strepitosamente anticonformista, un medico bello e capace di sorprenderla, una vecchia insopportabile signora aristocratica, un'amica che sa tenere molti, moltissimi segreti...


RECENSIONE

Alessandra, giovane trentaduenne, ha una vita piena di impegni: le sue giornate sono colorate dal suo lavoro come rinomato avvocato e dal suo nuovo ruolo di sindaco del paese, Verate. Il suo cuore, però, è libero ma occupato allo stesso tempo: libero perché non ha nessuno al suo fianco; occupato perché quindici anni prima glielo ha rubato l’unico uomo che abbia mai amato: Stefano.
Non è un caso che Alessandra lo riveda il giorno della sua prima cerimonia pubblica alla quale partecipa con la fascia tricolore. I sentimenti riaffiorano, il suo cuore inizia a battere forte a testimonianza del fatto che non ha mai smesso di amarlo nonostante gli anni trascorsi lontani. Si vedranno, i loro occhi non faranno che confermare la passione che non si è mai spenta. Ma non pochi ostacoli li faranno vacillare.
Il tema del “ritorno di fiamma” o di “una fiamma mai spenta” non è originale ma l’autrice ha saputo renderlo molto piacevole attraverso un linguaggio pulito e mai volgare, persino con battute divertenti. Mi è piaciuta la scelta di iniziare la storia andando subito al punto e poi man mano raccontarci come si è arrivati, a quel punto. Rivivere con la protagonista i suoi anni, la sua estate migliore, è un modo per coinvolgere il lettore a volere scoprire cosa è successo.
Tutti i personaggi sono ben delineati, con alcuni nasce subito empatia, come con Olivia, amica storica, eccezionale nel suo ruolo; con altri no, anzi verrebbe voglia di prenderli a schiaffi. La madre di Alessandra, ad esempio, è davvero fastidiosa, invadente e se l’intento era quello di presentarcela come la perfetta “pettegola”, direi che l’obiettivo è stato raggiunto. Lo stesso vale per la mamma di Stefano, una donna arrogante e presuntuosa, e anche dispotica, oserei affermare. L’ho immaginata seduta a sorseggiare il tè quasi reggendo la tazza con il mignolo alzato, la scena è ancora fresca nella mia mente grazie alla bravura dell’autrice nel descriverla.
Però, ci sono dei “però”: sono rimasta un po’ delusa dal finale. Sì, è come me lo aspettavo ma non posso non sottolineare quanto mi sia sembrato frettoloso in diversi punti, come se questi fossero rimasti irrisolti. Forse si voleva mettere alla prova la libera interpretazione del lettore? Non saprei, ma avrei avuto piacere nel leggere come l’astio tra le due famiglie avesse trovato un accordo, o uno scontro, o un chiarimento, insomma. Inoltre, altra piccolissima pecca dovuta a un personalissimo gusto, avrei evitato le parentesi durante i discorsi. Alessandra ci parla già in prima persona e questo è un modo per capire e conoscere subito i suoi pensieri; trovare spesso altri pensieri messi tra parentesi mi ha leggermente distratto e appesantito la lettura.
Il compenso è dato dallo stile e dall’ottima dialettica e anche dalla storia che, pur non essendo originale come ho già detto, sembra nuova proprio grazie alla penna dell’autrice.
Lo consiglio.


(Recensione a cura di Angela)




VALUTAZIONE


Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA  Risultati immagini per STELLINA





Altri libri dell'autrice


Tutta colpa della neve! (e anche un po' di New York)      Meno cinque alla felicità!