-->

sabato 3 febbraio 2018

Intervista a Marion Seals tra fantasia e voglia di vivere più vite grazie alla scrittura


Buongiono cari lettori, bentrovati nel nostro angolo interviste...

Oggi abbiamo il piacere di ospitare...

Marion Seals


tra fantasia e voglia di vivere più vite grazie alla scrittura


Ecco a voi l'intervista...






Cara Marion, benvenuta! ci fa piacere averti qui con noi. La nostra Tata ha recensito il tuo romanzo: Point Break - Book One: in the city, seguito di Big Apple e prima parte di una duologia che si concluderà a febbraio 2018 con l'uscita di Point Break - Book Two: on the road.

Ma rompiamo subito il ghiaccio con la prima domanda... Com'è nata la tua passione per la scrittura e la lettura?


Leggo da quando ho ricordo, mia madre è una forte lettrice e mi ha trasmesso questo interesse. Per quanto riguarda la scrittura io scrivo da quando ero adolescente, ma solo nel 2012 ho iniziato a pensare di farlo a un certo livello.

La tua passione per la lettura e la scrittura è stata influenzata da un libro in particolare? C'è uno scrittore che consideri un esempio da seguire?

Senza ombra di dubbio King per la sua capacità di uscire da ogni schema.

Da lettrice del presente, invece, cosa ti colpisce e che genere ti piace leggere?

Sono onnivora, leggo di tutto purché attiri la mia attenzione. Non ho una particolare predilezione per i dark e gli erotici, mi devono colpire per originalità e approfondimento psicologico dei personaggi, altrimenti sconfinare in altri generi è un attimo. 
Curiosiamo un altro pò nella tua vita, hai altre passioni?
Adoro viaggiare e lo faccio appena posso, vita e lavoro permettendo.

Marion Seals chi è? Perché la scelta di uno pseudonimo? 

Marion è la mia parte libera e creativa. La scelta dello pseudonimo è legata a questo concetto: essere qualcosa di diverso e di più mi intrigava parecchio. Nello specifico il nome è simile al mio originale e il cognome scaturisce dalla bonaria presa in giro di mio marito: seal inteso come foca...

La tua serie Living NY è un mix di generi che va dal chick lit al romantic suspense... come mai questa scelta? Parlaci di cosa ti piace scrivere.

L’idea di una serie multi genere mi è venuta perché spesso quando si scrivono più libri con personaggi collegati si rischia la ripetizione di elementi che a lungo andare possono stancare. Per questo, sotto l’egida della Living NY, ci saranno diversi generi, diversi modi di intendere l’amore. Mi piace scrivere di tutto, ma in sostanza scrivo quello che vorrei leggere. Tuttavia, il mio primo amore resta l’urban fantasy con la serie The Dark Side. 

Tra i personaggi nati dalla tua penna sei legata in particolare a qualcuno?

Il personaggio che più amo è Damon della serie urban fantasy, uno psicopatico che rappresenta la parte più primitiva di me, una sorta di Es che segue l’istinto, senza confini e senza limiti. Molto catartico.  

Quanto c'è di te, del tuo carattere nei tuoi personaggi?
Tutti hanno una parte di me, nessuno escluso. Attraverso di loro vivo più vite e questa è la vera essenza della scrittura secondo me. 
Scrivi prendendo ispirazione dalla realtà e da persone che esistono davvero o inventi tutto?

Guarda a costo di sembrare banale le storie arrivano, ma non chiedermi da dove non l’ho ancora scoperto. Semplicemente bussano e devo scriverle. 
Qual è per te la cosa più difficile da fare prima di poter pubblicare un romanzo?
La sinossi, la maledetta sinossi. Sono incapace di sintetizzare in poche righe, mi faccio aiutare senza remora alcuna dalla mia editor.
Scegli personalmente la cover dei tuoi libri?

Sì, oramai ho sviluppato una profonda simbiosi con una cara amica che ha un talento eccezionale. Credo che si tratti di telepatia perché lei sa dare vita alla mia immaginazione. Poi ho un vezzo, senza cover non inizio a scrivere. Ho bisogno di questo ancoraggio visivo, altrimenti non produco.


Se ti dicessero di scegliere un tuo libro per trasformarlo in film.. quale sceglieresti?


Gli urban fantasy che però per come sono strutturati li vedrei più come serie TV.



Eccoci giunti al momento promo dell'intervista... Prova a convincere il lettore ad acquistare il tuo libro...
Se ti piacciono la scrittura corretta, le rigorose ricerche, un pizzico di sesso, fantasia e molte emozioni, siediti e ascolta.
Ed ora un accenno ai tuoi prossimi progetti...
Il più immediato è la seconda parte della duologia di Point Break. Più avanti il terzo libro della serie fantasy che si chiamerà Rivoluzione. Poi ho in cantiere il quarto della Living NY e un autoconclusivo del quale non svelo nulla per scaramanzia.
Attendendo news a riguardo ti ringraziamo e salutiamo!

A voi tutti diamo appuntamento alla prossima settimana...

BANNER