-->

mercoledì 7 giugno 2017

Recensione: "Black Angels/White Demons" di Rosy Myth - Self Publishing

Oggi la recensione di un genere che trattiamo poco: un paranormal romance




51NnuFKKzzL._AC_US218_.jpgTitolo: Black Angels/White Demons
Autore: Rory Myth
Editore: Self Publishing
Genere:  Paranormal romance
Formato: Ebook
Prezzo: 1,80
Data di uscita: 13 luglio 2016                              

Link d'acquisto:





Scopriamone trama e recensione...


Trama:

Bethany Jones è una giovane donna che abita a Morrell Town, un tranquillo paese degli Stati Uniti sperduto e dimenticato da Dio. Un giorno nella casa accanto alla sua, rimasta disabitata da che lei ne ha memoria, si trasferiscono tre individui. Due ragazzi e una ragazza, di poco più grandi di lei. Uno di loro in particolare, Will, attira la sua attenzione e ben presto finisce per innamorarsene. Tuttavia Will e gli altri due non sono esattamente umani, cosa ne sarà dell'amore di Beth quando lo scoprirà? E cosa sono in realtà Will e gli altri due? Beth riuscirà ad accettarli per quello che sono oppure il peso della verità sarà troppo gravoso sulle sue deboli e umane spalle?
Nel frattempo una minaccia incombe su Morrell Town e suo malgrado Bethany si ritroverà coinvolta. Come uscirà da questa spinosa situazione? E a quale prezzo?
Una storia d'amore, di fiducia e di mistero.


Recensione

Bethany è una ragazza semplice ma un po’ insicura che vive in una cittadina con il padre, dopo che la madre li ha abbandonati da piccola. Il rapporto che ha con lui è molto bello, non è un papà tradizionale ma un po’ trasgressivo (con alcuni tatuaggi e piercing).
La vita della ragazza è apparentemente tranquilla, se non fosse che il suo ragazzo (con cui sta insieme da 5 anni) non la ama. Man mano che si procede con il racconto, si capisce che anche lei non è più di tanto legata a lui ed è per questo che si scopre una cosa importante: la ragazza ha paura di restare sola.
Un giorno, per atto di cortesia, consegna la posta ai nuovi vicini di casa: i Klaus. Subito ha uno scontro con uno dei gemelli che abitano nella casa, Will. Il ragazzo è il classico tipo definito bello e dannato. La ragazza prova subito una forte attrazione per lui ma all’inizio la scambia solo per antipatia. Assieme a Will abitano suo fratello gemello Jay e la fidanzata di quest’ultimo Thia. Sarà proprio Thia a scusarsi per i modi arroganti e poco civili usati da Will nei confronti di Bethany ed avvicinarsi alla ragazza, diventandone intima amica.
Inevitabilmente Bethany e Will finiranno per stare assieme. Will ha un grande amore alle spalle oltre che ha un grande segreto: è un  demone vendicatore di Dio immortale, come suo fratello Jay e Thia. Il loro compito è quello di proteggere gli umani dai crimini, provocando la morte a tutti coloro che si macchiavano di omicidio o torture.
Will è combattuto dai suoi sentimenti per Beth, avendo paura che la ragazza possa temere quello che realmente lui è e di farle del male, in quanto lui e la sua famiglia sono perseguitati da una Setta che li vuole morti. Proprio questa organizzazione gli ha portato via Anya il suo grande amore.
Il romanzo nella prima parte scorre veloce per poi rallentare fino a un finale un po’ scontato. Non viene dato molto spazio al legame di odio che c’è tra la Setta e i demoni, che poteva essere un buon spunto di riflessione.
Il romanzo è scritto bene, i dialoghi non sono pesanti, se non per un linguaggio a volte leggermente volgare, forse utilizzato per coinvolgere un pubblico più giovane. I personaggi sono descritti bene. Spero che ci sia un seguito, perché alcune parti possono essere approfondite e regalare un secondo romanzo.


  1. (Recensione a cura di Martina)

VALUTAZIONE







Rory Myth

Rory Myth nasce a Milano nel 1992, ora vive sulle sponde del lago di Varese, ha un lavoro da modella e frequenta l'università. Amante delle storie e dei libri fin da quando era piccola, si è cimentata di recente nel mondo della scrittura per sostenere, con l'acquisto dei suoi libri due associazioni con cui collabora, due case famiglia per ragazzi problematici e senza genitori.