-->

domenica 15 maggio 2016

ANTEPRIMA!!! In uscita per Fazi Editore "Io ti troverò" di Shane Stevens!!!

Ritorna in una nuova edizione, arricchita con la corrispondenza personale dell’autore con l’amico John Williams, il libro di culto per autori come Stephen King, James Ellroy, Thomas Harris. Il capolavoro dell’inventore del serial killer. La gemma da cui hanno preso linfa i più grandi autori di thriller di tutti i tempi.



Titolo: Io ti troverò
Autore: Shane Stevens
Editore: Fazi Editore
Genere: Thriller
Formato: Cartaceo
Prezzo: 14,00 €
Pagine: 800
Data d' uscita: Giugno 2016


Trama

A dieci anni Thomas Bishop viene internato in una clinica psichiatrica poiché ha barbaramente ucciso la madre, che lo tiranneggiava da sempre. Quindici anni dopo, ormai uomo, evade dall’istituto e dà inizio a una fuga sanguinaria, e sul suo cammino sono ancora le donne a cadere. Un omicidio, poi due, poi saranno decine; Bishop tortura e uccide spostandosi da Las Vegas a Chicago e a New York. Un personaggio infero ma straordinariamente umano, del quale Shane Stevens è cronista implacabile e, a suo modo, sodale, raccontandone nel dettaglio l’infanzia e gli anni di reclusione, le piccole ingenuità quotidiane e la ferocia omicida. Ne emerge un indimenticabile ritratto della follia, di quel concatenarsi di storie, incontri o mancati incontri che conducono un uomo a cedere alla violenza, all’orrore, alla distruzione dell’altro e di sé. E accanto a questa ombra inafferrabile che ferisce a morte le grandi metropoli del continente, scorre l’America degli anni Settanta, restituita attraverso una galleria di personaggi che gravitano intorno all’universo del crimine: poliziotti, medici, giudici, politici e giornalisti, un’intera società che si stringe intorno al primo serial killer della storia contemporanea.



A BREVE LA RECENSIONE!!!

L'AUTORE

Shane Stevens

Shane Stevens è nato a New York nel 1941. Tra il 1966 e il 1981 ha scritto cinque romanzi: Go Down Dead (1966), Way Uptown in Another World (1971), Dead City (1973), Rat Pack (1974) e The Anvil Chorus (1985). Pochi anni fa, grazie a un editore francese, ne sono stati rintracciati gli eredi. Ritiratosi dalla vita pubblica e dalla scrittura all’inizio degli anni Ottanta, Shane Stevens fece perdere ogni notizia di sé fino alla sua morte, avvenuta nel 2007.