-->

giovedì 28 aprile 2016

ANTEPRIMA!!! PRESENTAZIONE "Lo scrigno di Adymair" di Lucrezia Bertini

Ma ciao!!
Cosa troverete stasera sul tavolo della cena??
Noi siamo qui presentarvi un nuovo fantasy 
che vi rapirà!!!!


Titolo: Lo scrigno di Adymair
Autore: Lucrezia Bertini
Editore: Self Publishing
Genere: Fantasy
Formato: Cartaceo
Prezzo: 20,9 
Formato: Ebook
Prezzo: 2,99 


Trama

C’erano una volta, in un mondo lontano, Conti e maghi, elfi e cavalieri. Ma anche cose davvero stupefacenti.
Un uomo indossa gli occhiali. Un altro adopera un cannocchiale. Qualcuno preme un interruttore e la luce elettrica viene accesa per la prima volta.
È la Confraternita la madre di queste novità. La Confraternita osteggia i privilegi di cui godono i nobili, esige la redistribuzione delle ricchezze e si oppone a ogni forma di disuguaglianza, inclusa quella garantita dalla magia; attraverso la tecnica e il progresso scientifico, persegue il bene dei più e dei deboli, e per questo è odiata e temuta.
Un giorno, in una tranquilla cittadina costiera, due sorelle, Eirien e Finduen, sono testimoni dell’omicidio di un alto prelato dell’ordine. Non si tratta di un caso, tantomeno del gesto isolato di un oppositore. È solo la prima tappa di un grande disegno, l’inizio della lotta per impadronirsi del potere sconfinato di un antico nemico, il potere definitivo e assoluto, il potere la cui sola esistenza minaccia di distruggere tutto ciò che la Confraternita ha costruito nei secoli.
Loro malgrado, Eirien, Finduen e i loro amici, il giovane mago Atelmor e il vecchio bibliotecario Pheswan, si troveranno trascinati in un conflitto che va molto al di là delle loro semplici vite. Tra alleati insospettabili e nemici inaspettati, tra maschere e raggiri, tradimenti e conversioni, invenzioni e rivelazioni, tra teaser e incantesimi, i nostri si troveranno a fronteggiare la desolante solitudine di compiere delle scelte, perché niente è come sembra e a nessuno sarà concesso di restare neutrale, almeno finché non verrà svelato il contenuto dello Scrigno di Adymair.
Lo scrigno di Adymair si stacca nettamente dal panorama del fantasy italiano contemporaneo, perché è un cosiddetto secondary world, ovvero una storia ambientata in un mondo alternativo. Tuttavia, è un secondary world sui generis, nel quale gli elementi del nostro mondo, quello reale, vanno a collidere coi caratteri tradizionali e quasi stereotipi della fantasy. Ne nasce un costante dibattito tra opinioni contrarie: in particolare tra i valori fortemente egualitari, ma deindividualizzanti, della Confraternita e quelli elitari, ma meno rigidi, di cui si fanno portatori i maghi: tra l’ordine supremo e il caos dove vince il più forte.
Ma la principale particolarità de Lo scrigno di Adymair rispetto al genere fantasy risiede nel fatto che i sentimenti dei personaggi, i loro distinti caratteri e i loro rapporti reciproci hanno un ruolo dominante. Le controversie sulla magia fanno da sfondo alle vicende di famiglie problematiche, fondate su rancori sepolti o su odi che si finge di non vedere; di giovani che si confrontano con la difficoltà di soddisfare le aspettative dell’inserimento sociale, o con i primi amori, o per il tortuoso percorso di accettazione di se stessi e di costruzione della propria identità, in rapporto o in contrasto con la stirpe, la nazionalità, l’educazione. Insomma, Lo scrigno di Adymair fa dell’approfondimento psicologico, delle personalità e del loro sviluppo, delle emozioni un centro focale della narrazione. I sentimenti sono protagonisti: dominano e non di rado provocano gli avvenimenti, determinando le scelte dei personaggi; e il susseguirsi senza pausa di eventi clamorosi e sconvolgenti fornisce continuamente materiale per la loro analisi.

L'AUTRICE

Lucrezia Bertini  dice di sè:


"Ho sempre scritto e sempre scriverò.

Trovo che scrivere sia l'attività più appagante che conosca, perché gratifica sotto il profilo fisico, emotivo e intellettivo.
Tutti i commenti, anche negativi, saranno accolte con grande piacere."