-->

lunedì 14 settembre 2015

RECENSIONE "TUTTE LE VOLTE CHE HO SCRITTO TI AMO" DI JENNY HAN EDITO DA PIEMME!

Un romanzo davvero piacevole e 

scorrevole... The same Old Story!


Titolo: L'estate ha i tuoi occhi
Autore: Jenny Han
Editore: Piemme
Genere: Young Adult
Formato: Cartaceo 
Prezzo: 16,00 Euro
Formato: Ebook 
Prezzo: 6,99 Euro
Pagine: 372
Stelline su 5: * * * * 

Trama

Lara Jean tiene le sue lettere d’amore in una cappelliera. Non sono le lettere d’amore che qualcuno ha scritto per lei, ma quelle che lei ha scritto una per ogni ragazzo di cui si è innamorata, cinque in tutto. L’ultimo si chiama Josh, che è il suo migliore amico nonché, purtroppo, il ragazzo di sua sorella. Quando scrive, Lara Jean mette tutto il suo cuore sulla carta, raccontando cose che non si sognerebbe mai di dire ad alta voce. Eppure, un giorno, scopre che tutte le sue lettere d’amore sono state spedite. E quel che è peggio, ricevute. Improvvisamente, la sua vita diventa molto complicata, ma anche molto, molto più interessante…


RECENSIONE

La classica storia d’amore adolescenziale però dai contorni più delicati rispetto ad altri romanzi dello stesso genere, un  Young Adult Novel che coinvolge il lettore sin dalle prime pagine.
Lara Jean narra in prima persona le paure, le angosce e i dolori di una teenager alle prese con la sua quotidianità. Margot, Lara Jean e Kitty, le tre sorelle Song, vivono la loro adolescenza senza la madre la cui morte ha influito sullo sviluppo affettivo ed emotivo delle ragazze.
Margot, la più grande delle sorelle, deve partire per la Scozia per seguire i corsi dell’anno universitario; perciò a Lara Jean tocca occuparsi della sorella più piccola e delle faccende domestiche.
La giovane protagonista dà sfogo alla sua emotività  scrivendo lettere  segrete indirizzate ai suoi amori adolescenziali. Sono lettere custodite gelosamente in una cappelliera, regalatale dalla sua adorata mamma. Però misteriosamente queste lettere vengono spedite ai loro destinatari.
L’infatuazione per Josh, l’ex fidanzato della sorella Margot, l’emozione di scoprirsi innamorata di Peter , sconvolgono e trascinano  l’eroina in un vortice di sentimenti .
Il testo è scorrevole; tant’è vero che ho impiegato una giornata per leggerlo. Una lettura piacevole in quanto l’autrice non usa un lessico pieno di artifici verbali .L ‘uso di un linguaggio semplice e di  uno  stile pieno di freschezza rendono reali  le situazioni vissute da Lara Jean.
Inoltre l’idea di introdurre degli elementi della cultura culinaria coreana rafforza l’occhio di riguardo che la Han ha per le sue origini. Le sorelle Song amano il cibo coreano, lo yogurt coreano, amano tutto quello che in passato la loro madre ha condiviso con loro. Sono ricordi delicati, pieni di amore. E nell'aria si respira la nostalgia per un’ infanzia oramai lontana.
Le lettere spesso citate dall’eroina costituiscono solo il pretesto affinché Lara Jean possa entrare in sintonia con il suo cuore; perché in questo modo è pronta ad affrontare le sue insicurezze( la paura di guidare, la paura di sciare).
 In contrapposizione all'immagine di una delicata e debole Lara Jean appare l’immagine della sempre forte e sicura sorella maggiore, Margot . Le incomprensioni  fra le due sorelle verranno a galla però saranno superate dall'amore fraterno.
Il finale non è scontato . Un finale aperto che lascia spazio alla nostra immaginazione.

Decisamente da leggere! 4 vermicelli in quanto la storia presentata è il solito cliché, the same old story.

(Recensione a cura di Mihaela)




VOTO VERMICELLI